MASSA MARITTIMA. Un altro tassello del mosaico del complesso museale delle miniere di Niccioleta è andato al suo posto. Dopo l’archivio storico, in cui sono confluiti i documenti dei decenni passati e gli studi condotti da varie Università, ora anche l’ostello potrà progettare il suo futuro.

La struttura infatti, appartenente al patrimonio comunale di Massa Marittima, è pronto ad essere ceduto in concessione alla cooperativa sociale Insieme srl, che si occuperà di allestirlo nel miglior modo possibile per l’accoglienza di gruppi di studiosi che intendono svolgere stage educativi sul territorio. Era proprio questo infatti l’obiettivo dell’amministrazione massetana, che nel suo progetto di ristrutturazione di tutto il complesso (per un investimento tortale di 185mila euro) ha previsto la rimessa a nuovo di una foresteria, convinta di trasformarla, appunto, in uno ostello. L’Ostello della Miniera, per la precisione. I lavori di manutenzione e ristrutturazione di tutto il centro di documentazione delle Colline Metallifere, così si chiama la struttura a Niccioleta, è partita alcuni anni fa e passo dopo passo sta raccogliendo i frutti seminati allora. Oggi è arrivato il momento di affidare i locali di quella foresteria a una cooperativa sociale (realtà individuata da subito dal Comune come la più idonea a svolgere il compito), che è stata scelta alla metà di maggio, quando è partito l’iter, ormai pronto alla conclusione con la stesura di un contratto di concessione da far firmare alla Insieme srl. Il documento prevede di affidare la concessione al soggetto citato per quindici mesi e alcune prescrizioni. Tra queste, la possibilità per la cooperativa di determinare il canone concessorio solo in un secondo momento, in modo da tener conto di eventuali ulteriori interventi che potrebbero rendersi necessario all’avvio dell’attività; ovviamente, è previsto che tutti gli oneri (ossia le tasse) siano a carico della cooperativa, così come la possibilità di cedere a titolo gratuito all’amministrazione i propri fondi in caso di eventi o iniziative. L’ultimo passo di un cammino lungo e impegnativo, che ha portato alla nuova vita del Centro di Documentazione di Niccioleta. La prima tappa è stata l’apertura di uno spazio in cui raccogliere e conservare la folta documentazione sulla storia del territorio, il materiale archivistico di Massa Marittima sulle miniere e i vari studi fatti dalle Università sullo stesso. Si tratta di documentazione cartacea e fotografica a carattere storico, archeologico ed ambientale, che viene così ben catalogata e resa fruibile a chiunque voglia consultarla.(a.f.)

 

Fonte: il tirreno del 06.02.2016

Un ostello per gli studiosi del museo delle miniere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *