macchina stenopeica
Da giovedi 11 Agosto a  Monteverdi Marittimo una mostra di fotografia molto speciale.
Il nostro fotografo Picariello Piero esporra le sue foto prodotte con una macchina stenopeica costruita da lui.
Ma capiamo meglio come funziona: La fotocamera con foro stenopeico si basa sul principio della luce, la quale viaggia in linea retta e forma dei piccoli punti su del materiale fotosensibile, come un rullino o la carta fotografica. L’immagine che si salva risulta invertita e la nitidezza di essa è proporzionale alla dimensione del foro.

Ma cerchiamo di capirne di più dalle parole del signor Picariello:con la fotografia stenopeica si riesce a catturrare un’atmosfera che può durare da pochi secondi a svariati minuti. quindi vedremo un immagine che sembra catturata i un attimo ma in realtà è come un film che scorre nel solito fotogramma, vedremo l’evolvelsri del tempo condensato in sfumature, movimento di nubi.
Fantasmi umani e non che scorrono davanti all’obbiettivo senza rimanere impressi al 100% ma solo lievemente accenati….
Non avendo mirino la camera oscura, non sappiamo precisamente cosa stiamo impressionando sulla pellicola, allora ci dobbiamo immaginare la porzione di realtà che vogliamo fotografare in base alla esperienze precedenti. Stesso discorso per i tempi di esposizione, ma la cosa che più ci affascina e che i risultati saranno sempre imprevedibili.
quindi nulla è uguale a quello fatto in precedenza e un infiltrazione di luce ad esempio può creare effetti artistici o cambiare totalmente il senso di una foto.

Seguira inoltre nelle prossime settimane un laboratorio tenuto dallo stesso Picariello su come costruire e come funziona la macchina…..stay tuned!

picariello 1

Incontro con la fotografia: la macchina stenopeica.